Scannerizzare, scansionare, scansire. Il verbo cambia, ma la sostanza no. Con questi termini si indica l’azione dello scanner a cui si sottopone un testo o un’immagine che viene in pratica copiata, ma anziché essere restituita in forma cartacea, come avviene per una fotocopiatrice, è ‘letta’ e trasformata in un file digitale da poter archiviare sul pc e utilizzare o modificare a proprio piacimento. Non esiste un solo scanner ma molti modelli, recepiti dal mercato che li propone in gran quantità, anche in offerta, dagli scanner a tamburo ai modelli portatili. Ma come possiamo fare per scegliere il miglior scanner sul mercato o, meglio, quello più adatto a noi? Non è una scelta facile, anche perché non sempre alle migliori specifiche corrispondono le migliori performance, come nel caso della risoluzione che può rivelarsi un’arma a doppio taglio.

Si ambisce, di solito, a uno scanner ad altissima risoluzione, tipo 2400×4800 pixel, ma avete mai pensato che potrebbe essere anche controproducente? Per fare un esempio, partiamo dal presupposto che non esiste la foto perfetta, tutte le immagini contengono difetti o per inesperienza o per dettagli trascurati che, invece, sotto la lente impietosa di uno scanner high resolution campeggerebbero in tutta la loro vistosa imperfezione. In tal caso, forse sarebbe meglio accontentarsi di una risoluzione comunque buona, ma che non esalta gli inevitabili difetti dell’immagine. Senza contare che l’elaborazione di immagini lavorate da uno scanner ad altissima risoluzione risulterebbero pesanti per non dire insostenibile nella gestione sul pc, quindi si dovrebbe quantomeno disporre di un computer o notebook altrettanto ‘robusti’ e performanti per poter reggere a cotanto peso. Poi, comunque, l’ultima parola spetta all’acquirente chiamato a fare un calcolo del miglior rapporto qualità-prezzo del prodotto, anche e soprattutto in base al proprio budget.

Soffermandoci su scanner di media portata, i prezzi variano a seconda della tipologia e del brand, ma in linea di massima si può attestare su una media di circa 100 euro la spesa per un modello standard di qualità apprezzabile. Molti sono portati a risparmiare acquistando per molto meno una stampante multifunzione che incorpora anche l’opzione scanner. Attenzione, però, perché in questi casi si rischia spesso di ottenere risultati mediocri quanto a risoluzione, trattandosi di strumenti multiuso dove la funzione di scanner è solo accessoria e, pertanto, di qualità inferiore a quella offerta da un apparecchio specifico strutturato esclusivamente per le scansioni.